¿NO LA ENCONTRASTE?
Si no has encontrado la letra de la canción que estabas buscando, dale "Me gusta" a la página Facebook de ItaLetras aquí abajo y pide tu traducción directamente en el muro.
Te contestaremos con un enlace en cuanto la canción sea publicada. Fácil, ¿no? 

Vengo dalla luna - Caparezza

Letra traducida por Sara y Daniel

Vengo dalla luna - Caparezza

Io vengo dalla luna che il cielo vi attraversa
e trovo inopportuna la paura 
per una cultura diversa.
Chi su di me riversa la sua follia perversa
arriva al punto che quando mi vede sterza;
vuole mettermi sotto sto signorotto
che si fa vanto del santo 
attaccato sul cruscotto,
non ha capito che sono disposto 
a stare sotto,
solamente quando fotto.
"Torna al tuo paese, sei diverso!"
Impossibile, vengo dall'universo,
la rotta ho perso,
che vuoi che ti dica,
tu sei nato qui perché 
qui ti ha partorito una fica
... in che saresti migliore?
Fammi il favore, compare, 
qui non c'è affare che tu possa meritare.
Sei confinato, ma nel tuo stato mentale,
io sono lunatico 
e pratico dove cazzo mi pare.

Io non sono nero, io non sono bianco,
io non sono attivo, io non sono stanco,
io non provengo da nazione alcuna,
io, sì, io vengo dalla luna.
Io non sono sano, io non sono pazzo,
io non sono vero, io non sono falso,
io non ti porto jella né fortuna,
io, sì, ti porto sulla luna.

Io vengo dalla luna...
io vengo dalla luna...
io vengo dalla luna...
io vengo dalla luna...
io vengo dalla luna...
io vengo, vengo...

Ce l'hai con me
perchè ti fotto il lavoro,
perchè ti fotto la macchina
o ti fotto la tipa sotto la luna?
Cosa vuoi che sia, poi,
non è colpa mia se la tua donna di cognome fa Pompilio come Numa.
Dici che sono brutto, 
che puzzo come un ratto
ma sei un coatto 
e soprattutto non sei Paul Newman.
Non mi prende che di striscio la tua fiction,
io piscio sul tuo show che fila liscio 
come il Truman.
Ho nostalgia della mia luna leggera,
ricordo una sera le stelle di una bandiera,
ma era una speranza era,
una frontiera era,
la primavera di una nuova era, era.
"Stupido, ti riempiamo di ninnoli da subito
in cambio del tuo stato libero di suddito"
No, è una proposta inopportuna,
tieniti la terra, uomo, 
io voglio la luna!

Io non sono nero, io non sono bianco,
io non sono attivo, io non sono stanco,
io non provengo da nazione alcuna,
io, sì, io vengo dalla luna.
Io non sono sano, io non sono pazzo,
io non sono vero, io non sono falso,
io non ti porto jella né fortuna,
io sì, ti porto sulla luna,

Io vengo dalla luna
io vengo dalla luna
io vengo dalla luna
io vengo dalla luna
io vengo, vengo...

Non è stato facile per me trovarmi qui,
ospite inatteso, peso indesiderato, arreso,
complici i satelliti che 
riflettono un benessere artificiale,
luna sotto la quale parlare d'amore.
Scàldati in casa davanti al tuo televisore,
la verità nella tua mentalità 
è che la fiction sia meglio della vita reale,
che invece è imprevedibile 
e non il frutto di qualcosa già scritto
su un libro che hai già letto tutto... 
ma io, io, io NO.
Io, io, io... 
Io vengo dalla luna
Io vengo dalla luna
Io vengo dalla luna
Io vengo, vengo...





Vengo de la luna - Caparezza

Yo vengo de la luna que atraviesa vuestro cielo
Y encuentro inoportuno el miedo 
a una cultura distinta.
Quien descarga en mí su locura perversa
llega hasta el punto de que cuando me ve, cambia dirección;
Quiere ponerme debajo de él, el señor(ito) éste,
Que presume de llevar un santo 
en el salpicadero del coche,
No ha entendido que estoy dispuesto 
a estar abajo
solamente cuando follo.
"¡Vuelve a tu país, eres distinto!"
Imposible, vengo del universo
Me desvié de mi rumbo
¿qué quieres que te diga?
Tú naciste aquí porque 
fue aquí donde te parió un coño
...¿En qué serías mejor?
Hazme el favor, compadre, 
aquí no hay cosa que tú pueda merecerte
Estás encerrado, pero en tu estado mental,
yo estoy lunático 
y vivo donde coño me dé la gana

Yo no soy negro, yo no soy blanco
Yo no soy activo, yo no estoy cansado
Yo no provengo de nación alguna
Yo sí, yo vengo de la luna
Yo no estoy cuerdo, yo no estoy loco
Yo no soy verdadero, yo no soy falso
Yo no te traigo ni mala ni buena suerte
Yo, sí, te llevo a la luna

Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo, vengo...

¿La tomas conmigo
porque te robo el trabajo,
porque te robo el coche
o porque me follo a tu novia bajo la luna?
¿Qué quieres que sea?
Además, no es culpa mía si tu chica tiene como apellido Pompilio*, igual que Numa.
Dices que soy feo, 
que apesto como una rata
Pues tú eres un grosero, 
y sobretodo no eres Paul Newman.
Me la suda tu fiction
Yo meo sobre tu show que te va bien 
como el de Truman.
Echo de menos mi luna ligera
Recuerdo una noche, las estrellas de una bandera
Pero era una esperanza, era
una frontera, era
la primavera de una nueva era, era.
"Tonto, te llenamos de oro inmediatamente
a cambio de tu estado de libre subdito"
No, es una propuesta inoportuna
quédate con la Tierra, Hombre,
¡Yo quiero la Luna!

Yo no soy negro, yo no soy blanco
Yo no soy activo, yo no estoy cansado
Yo no provengo de nación alguna
Yo sí, yo vengo de la luna
Yo no estoy cuerdo, yo no estoy loco
Yo no soy verdadero, yo no soy falso
Yo no te traigo ni mala ni buena suerte
Yo, sí, te llevo a la luna

Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo, vengo...

No ha sido fácil para mí encontrarme aquí
huésped inesperado, peso indeseado, rendido,
cómplices los satélites que 
reflejan un bienestar artificial,
luna bajo la cual hablar de amor.
Caliéntate en casa delante de tu televisor
La verdad, según tus ideas,
es que la fiction es mejor que la vida real
que, al contrario, es imprevisible
Y no es fruto de algo ya escrito
en un libro que tú ya has leído todo,
pero yo, yo, yo... ¡NO!
Yo, yo, yo...
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo de la luna
Yo vengo, vengo...









































































































 *Numa Pompilio: el segundo Rey de Roma Antigua. Aquì Caparezza juega con la semejanza de sonidos entre el apellido “Pompilio” y la palabra italiana vulgar “pompino”(mamada, fellatio).
** ¡Gracias a Daniel por su ayuda!**

4 commenti:

Carlos dijo...

Hola!! anche posso dire ciao!!
soy un chico español que buscaba la letra de esta canción para traducir un trozo que no entendia y se ha encontrado ya la canción traducida entera!! olee

ciao guagliona! e grazie mille ;)

Avv dijo...

Grazie mille Sara per la traduzione di questa bella canzone di Caparezza!! Io sono spagnola e studio l'italiano. Se hai bisogno di aiuto con qualche cosa scrivimi, avversierina@gmail.com... Mi chiamo Sandra. 1 bacio

María dijo...

Grazie tante per la tua traduzione Sara!! Sono espagnola e studio italiano. Mi piace molto la critica sociale di caparezza.

F.J.R.M. dijo...

¡Ciao Sara!

Ti scrivo in italiano perchè qui c'è scritto che sei di Napoli, ma sono spagnolo (Perciò il mio italiano si asomiglia a quello di un bambino da tre anni)

Ti vorrei ringraziare per questo post, dato que sto sottotitolando (si dice così?) qualche canzoni di Caparezza su youtube e mi hai aituato tantissimo. Non ti preocuppare, sono un "tifoso" della "creative commons", farò l'attribuzione al tuo post.

P.S. Anche sono "tifoso" d'Italia, della tua lingua, di Caparezza e un innamorato di Napoli (ancora ricordo il mio felice pianto quando sono andato dalle rovine di Pompei)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Get widget
Facebook Twitter Delicious Digg favorites

 
Powered by Blogger